Vanguard News Network
VNN Media
VNN Digital Library
VNN Reader Mail
VNN Broadcasts

Old 3 Weeks Ago #1
alex revision
Senior Member
 
alex revision's Avatar
 
Join Date: Mar 2008
Posts: 16,907
alex revision
Default Robert Faurisson: Céline dinanzi alla menzogna del secolo

Robert Faurisson: Céline dinanzi alla menzogna del secolo

CÉLINE DINANZI ALLA MENZOGNA DEL SECOLO

Di Robert Faurisson

Martedì 1° giugno 1982

Céline dinanzi alla menzogna del secolo

Io chiamo menzogna del secolo quella delle pretese “camere a gas” hitleriane.

Céline aveva almeno due amici e corrispondenti che non credevano alla realtà di queste “camere a gas” omicide, di questi mattatoi umani. Per loro si trattava di una menzogna della propaganda di guerra alleata, paragonabile sotto molti aspetti alle ignobili fandonie della Prima guerra mondiale sui bambini belgi dalle mani mozzate dai Tedeschi o sulle fabbriche di cadaveri d’oltre Reno. Questi due amici e corrispondenti erano Paul Rassinier e Albert Paraz. Non ricordo di aver trovato finora sotto la penna di Céline un’allusione al fenomenale tabù delle “camere a gas” omicide.

Il 15 giugno 1950 Albert Paraz scriveva da Vence come prefazione alla Menzogna di Ulisse di Paul Rassinier:

Dopo le segrete, Torquemada, i gesuiti, i massoni, la maschera di ferro, c’è un’altra storia che non bisogna assolutamente toccare, quella delle camere a gas. La terra smette di girare per secoli. Ieri ho corso tre volte il rischio di essere assassinato solo per aver sottoposto il testo di Rassinier [La Menzogna di Ulisse] all’attenzione di alcuni vicini di casa, tutto ciò a meno di cento metri da casa mia. – Solo un impareggiabile masochista può azzardarsi a scrivere, ora che le testimonianze sulle camere a gas non sono proprio convincenti per i suoi gusti, che ce n’è soltanto una nella letteratura concentrazionaria, quella di Weiss, ma anch’essa riferita di seconda mano e nessuno ha pensato d’interrogare questo Weiss in modo serio da poter essere considerato credibile da uno storico. È una bomba[1].

In realtà, grazie a Lucette Destouches e a François Gibault siamo in possesso di una lettera in cui Céline parla della questione delle “camere a gas” in termini che mostrano il suo vivo interesse per l’argomento. Si tratta di una lettera inedita inviata da Céline al suo amico tedesco H. Bickler il 30 dicembre 1960. Forse François Gibault ha ragione di scrivere:

Tutte le lettere scritte da Meudon non sono altro che lamenti, sequele di recriminazioni accompagnate dall’annuncio di guerre prossime, spaventosi cataclismi e altre lugubri profezie. Esacerbato, malato, completamente disilluso, Céline provava il più totale disprezzo per i suoi contemporanei e li metteva alla gogna, nell’attesa dell’apocalisse e dell’estinzione del genere umano [2].

Ma personalmente tenderei a considerare che la fiamma del genio ha continuato a abitare fino all’ultimo in quel corpo torturato e che Céline non ha mai smesso di essere l’intelligenza fulminea, curiosa, aperta e profetica come era stato sin dalla più giovane età. Osservate in che termini si rivolge al suo amico Bickler per avere dei documenti su una notizia sensazionale che riguarda un capovolgimento della storia ufficiale per quanto concerne ciò che bisognerebbe credere e ciò che non bisognerebbe credere a proposito delle “camere a gas”. Si sente che, sette mesi prima della sua morte, la curiosità di Céline è punta sul vivo da un’informazione destinata a essere dissimulata dai grandi media perché inferiva un colpo terribile alla leggenda dei vincitori della Seconda guerra mondiale. All’alba dell’anno 1961 scrive:

Che in questo 1961 Lei possa avere, sarebbe già un gran bella cosa, tutta la felicità che Le auguro. Certo dovremmo incontrarci… purtroppo ci separano mille cose ignote! innanzi tutto siamo vecchi e antiquati, le nostre storie infastidiscono la gente! Non ho visto Epting. Lei non può farsi un’idea di cosa sia la nostra vita qui, in cinque minuti avrebbe capito… tutto… niente affatto quello che Lei immagina. Tramite Epting può probabilmente apprendere che cosa vuol dire, se esiste, un Istituto di Ricerche storiche ufficiale di Bonn la cui sede sarebbe a Monaco di Baviera, e assolutamente serio, che dopo lunghe ricerche avrebbe scoperto e pubblicato che non ci sarebbero mai state camere a gas (Gaskammer) a Buchenwald, Dachau ecc. né da nessuna parte della Germania… ce n’erano in costruzione ma non furono mai terminate… secondo questo Istituto. Se riesce ad avere dei documenti, ecco che m’interesserebbero molto, probabilmente anche a Lei!

Mi pare che non ci sia alcun dubbio sulla fonte di quest’informazione: penso di averla trovata nel n. 520 di Rivarol del 29 dicembre 1960. Céline scrive la sua lettera il 30 dicembre 1960, sotto l’impressione, per così dire, di un articolo apparso a pagina 3 a firma di Charles Schneider dal titolo “Germanofobia sistematica”. Dopo aver riepilogato alcuni fatti che a suo parere rivelavano una “germanofobia sistematica”, Charles Schneider terminava così il suo articolo:

Questo riepilogo era un po’ noioso. Il lettore che ha avuto la pazienza di leggerlo sino alla fine merita dunque una ricompensa. L’avrà, perché ecco “qualcosa di sensazionale”, una novità “sconvolgente” o quasi, una notizia che, vi assicuro, non leggerete altrove – per molto tempo. Ma prima di tutto mettetevi a sedere, perché ciò che devo annunciarvi è stupefacente.

Da una decina d’anni esiste a Monaco di Baviera un organismo di ricerche storiche chiamato INSTITUT FÜR ZEITGESCHICHTE, quanto c’è di più ufficiale, di spirito resistenziale, dal carattere pedante, come si conviene. È una sorta di organismo superiore, di alta corte storica, che decide in ultima istanza dell’interpretazione da dare agli avvenimenti verificatisi tra il 1933 e il 1945. Poiché il giornale “Die Zeit” aveva pubblicato un articolo in cui si parlava di nuovo delle decine di migliaia di ebrei che sarebbero stati uccisi nelle camere a gas, detto Istituto gli inviò una lettera rettificativa che il giornale dovette pubblicare e che conteneva quanto segue: Né a Dachau, né a Bergen-Belsen, né a Buchenwald è stato gassato alcun ebreo o altro prigioniero. La costruzione delle camere a gas di Buchenwald non è mai stata portata a termine e, di conseguenza, non hanno potuto essere utilizzate. In tutto l’ex territorio del Reich non c’è stata alcuna esecuzione per mezzo del gas.

Come nascono, si propagano e muoiono le leggende…


Charles Schneider faceva eco ad un articolo apparso in prima pagina del n. 33 del settimanale tedesco “Die Zeit” il 12 agosto 1960 a firma del suo redattore capo R. Strobel; l’articolo s’intitolava “Weg mit ihm!” e se la prendeva, con il crescendo che caratterizza i giornalisti tedeschi, con un certo generale Unrein che aveva dichiarato, da un lato, che a Dachau non era mai esistita alcuna “camera a gas” omicida e, dall’altro, che erano stati impiegati dagli Alleati dei prigionieri tedeschi per completare la costruzione di forni crematori in quel campo. Nel numero successivo “Die Zeit” pubblicava una lettera rettificativa del dr. Martin Broszat, membro eminente dell’Istituto di storia contemporanea di Monaco di Baviera e, nel 1959, subendo uno smacco, responsabile della pubblicazione delle memorie scritte da Rudolf Höss sotto la sferza dei suoi guardiani polacco-stalinisti. La lettera s’intitola “Keine Vergasung in Dachau” (Nessuna gassazione a Dachau). Il titolo era stupefacente. In certo qual modo riduceva al nulla centinaia di “testimonianze” e di “prove” invocate fino a quel momento con impudenza per far credere alla realtà delle “gassazioni” omicide di Dachau. Ma il contenuto della lettera era ancora più stupefacente: rivelava che non c’erano state gassazioni né a Dachau, né a Bergen-Belsen, né a Buchenwald, né in nessun luogo dell’ex territorio del Reich (Germania compresa nelle frontiere del 1937)! Nessuna gassazione dunque a Ravensbrück, a Neuengamme, a Oranienburg-Sachsenhausen… C’erano state delle gassazioni solo in rari luoghi scelti all’uopo e dotati di adeguati impianti tecnici, innanzi tutto (?) in territorio polacco occupato (ma da nessuna parte nell’ex Reich): a Auschwitz-Birkenau, a Sobibor-sur-Bug, a Treblinka, Chelmo e Belzec”.

A questo riguardo, che cosa bisognava pensare dei tribunali alleati che avevano condannato a morte degli ufficiali tedeschi per aver fatto funzionare nei loro campi dell’ex Reich delle pretese camere a gas omicide? Perché il dr. Broszat si era accontentato di una lettera a un settimanale tedesco? D’altronde, come è possibile che ancora oggi, a ventidue anni da questa presa di posizione e sebbene diriga questo istituto di Monaco di Baviera dal 1972, il dr. Broszat non abbia fornito le ragioni per le quali non crede più alle gassazioni di Dachau e crede ancora a quelle di Auschwitz? Non sarebbe forse che fornendole offrirebbe ai lettori avveduti e agli storici l’occasione di scoprire che in entrambi i casi le “prove” e le “testimonianze” sono rigorosamente della stessa natura?

Céline aveva ragione di mostrarsi molto interessato. È un peccato che il suo biografo, uscendo dal ruolo che gli competeva, abbia ritenuto di dovergli assestare il calcio dell’asino, dopo aver citato questa lettera indirizzata a H. Bickler. François Gibault scrive infatti:

Purtroppo per Louis Destouches, per Hermann Bickler e soprattutto per coloro che non sono tornati, i campi della morte sono esistiti. Il brano di questa lettera è inusuale, perché dopo la guerra Céline non ha mai più affrontato la questione, salvo che in conversazioni molto private con il suo “confessore” protestante, il pastore François Löchen, al quale ha detto di essere stato all’oscuro dei campi di sterminio.

Se con l’espressione ambigua di “campi della morte”, il biografo intendeva semplicemente “campi in cui moriva un gran numero di persone”, sarebbe fuori tema, poiché nessuno intende negare che i decessi erano numerosi nei campi di concentramento, tedeschi o non tedeschi, soprattutto a causa di epidemie e delle condizioni generali della guerra. Se, invece, il biografo vuole parlare, come fa un po’ più avanti, di “campi di sterminio”, cioè di campi dotati d’impianti speciali per fare dei primi delle specie di mattatoi, eccoci in pieno dibattito sull’esistenza o sulla non esistenza delle “camere a gas omicide”. E, al tempo stesso, ci si domanda con che diritto il biografo si permetta di dare dei punti al suo modello. François Gibault ha forse ricevuto delle rivelazioni in esclusiva che gli consentono di decidere in tal modo del vero e del falso su un argomento tabù?

Dopo aver letto la prima parte del suo Céline avevo nutrito alcuni timori per quanto riguardava la sorte che François Gibault avrebbe riservato alle idee politiche di Céline. Gli avevo scritto a più riprese per metterlo in guardia contro il mito delle “camere a gas”. L’8 luglio 1977 gli scrivevo:

Attenzione, avvocato! Venti cose che sono oggi incontestabilmente “storiche” avranno negli anni a venire la sorte del dente d’oro (il prof. Faurisson fa qui riferimento ad un apologo con il quale lo scrittore Bernard le Bovier de Fontenelle – 1657-1757 – rivolge la sua satira contro l’università del suo tempo per promuovere il razionalismo e il metodo scientifico – NdT)! Tutti quegli storici o simili che ci straziano le orecchie con il genocidio, l’olocausto, lo sterminio, le camere a gas, i sei milioni e il resto si vedranno smascherati e ridicolizzati.

L’8 gennaio 1978 mi veniva risposto:

[…] ho l’assoluta intenzione di rimettere a posto alcune cose, ricordando degli avvenimenti dimenticati e presentando il ritratto di alcuni uomini sotto una luce un po’ diversa, ma non posso né riscrivere la storia della Seconda guerra mondiale, né seguirLa nelle sue cattive abitudini.

1.Gibault si sbagliava. Io non gli chiedevo né di “riscrivere la storia della Seconda guerra mondiale”, né di seguirmi nelle mie tesi che chiamava “cattive abitudini” (modi di agire biasimabili). Il 7 agosto 1978 ricevevo un’altra lettera nella quale finalmente F. Gibault mi rassicurava; mi scriveva:

[…] ho mille cose da dire nel mio libro e non mi butterò a capofitto ad esaminare se c’erano o no delle camere di sterminio. Il solo punto per me importante è di sapere se Céline ne ignorava l’esistenza, come la Croce Rossa e, Lei mi dice… come il Papa.

A questo punto, mi si permetterà di rammaricarmi che F. Gibault, il cui lavoro è peraltro così pieno di meriti, sia tornato sulle proprie intenzioni del 1978. Mi rincresce di non avergli segnalato in tempo un altro errore che, a dire il vero, si riscontra sempre più di rado: quello che commette a pagina 168 del suo libro, quando parla dell’ordine impartito da Hitler di distruggere Parigi, un ordine al quale von Cholitz si vantava di non aver obbedito. Quest’ordine non è esistito più di quanto sia esistito il passo di danza accennato da Hitler a Rethondes e i cecchini che dai tetti avrebbero sparato verso Notre-Dame de Paris ecc.

Campo-controcampo. Sartre aveva la mente tanto contorta quanto Céline poteva averla lucida. Parliamo di Sartre per paragonarlo a Céline sulla stessa questione. Una delle ultime curiosità profetiche di Céline, mentre “la Parca sta per recidergli il filo della vita” sarà stata dunque questa questione delle “camere a gas”. Sente quanto sia importante. Subodora la menzogna. Come Charles Schneider, deve avere il sospetto che si tratta di una notizia sulla quale tutta la stampa all’infuori di Rivarol farà per molto tempo silenzio. Infatti bisognerà aspettare sette anni prima che il giornale “Le Monde” vi faccia eco e anche molto brevemente e suo malgrado[3]. Céline aveva fiuto. Sartre era pedante.

All’inizio del 1980, Serge Thion pubblicava presso le edizioni della Vieille Taupe Vérité historique ou vérité politique? Ora, la rivista “Les Temps modernes” di Sartre aveva pubblicato in precedenza, nel numero di gennaio 1980, due articoli di Serge Thion sull’Indocina. Costernazione presso “Temps modernes”! Era stata data la parola a un uomo di sinistra, antirazzista, che aveva preso le difese di Faurisson! Da cui “l’Avviso ai lettori” presentato in seguito a pagina 1765 del numero 404 (marzo 1980):

Nel nostro numero di gennaio sull’Indocina, abbiamo pubblicato due articoli di un ex collaboratore occasionale della rivista, Serge Thion. Il numero era appena stato messo in vendita, quando abbiamo appreso che, trattandosi questa volta dello sterminio degli ebrei, lo stesso Thion difendeva le tesi del sinistro Faurisson che, si sa, nega la realtà dello sterminio e l’esistenza delle camere a gas. Ciò ci induce ovviamente a chiedere ai nostri lettori di prendere con riserva le informazioni comunicate da Thion sull’Indocina.

Il diritto alla verità impone di dire che il comitato direttivo – pur ignorando allora tutto delle opinioni di Thion sulla questione ebraica – era stato ampiamente diviso quanto all’opportunità di pubblicare almeno uno dei suoi articoli (“Despote à vendre”) e che questo deve la pubblicazione soltanto a un raggiro.

È la nostra buona fede ad essere stata sorpresa: la rivista “Les Temps modernes” non ha mai dato la parola, con cognizione di causa, agli antisemiti di destra o di sinistra e ai falsificatori. Come direttore della rivista, ho ritenuto necessario avvertire i lettori e presentare loro le nostre scuse.
Jean-Paul Sartre[4]


Sartre doveva rimanere, fino alla morte, ossessionato dal successo delle tesi revisioniste. A pagina 153 de La Cérémonie des adieux, Simone de Beauvoir scrive: “La febbre lo faceva delirare. Al mattino aveva detto ad Arlette: ‘Anche tu sei morta, piccola. Che impressione ti ha fatto essere cremata? Finalmente eccoci ora tutt’e due morti’.” Come commento, Simone de Beauvoir aggiungeva: “Arlette era ebrea e Lanzmann ci parlava spesso del suo film sullo sterminio degli ebrei, e dunque dei forni crematori. Si parlava anche delle tesi di Faurisson che ne negava l’esistenza. D’altro canto, Sartre desiderava essere cremato.” Mi si permetterà qui di fare osservare ancora una volta che io non ho mai negato l’esistenza dei forni crematori, che non hanno niente di criminale, bensì l’esistenza delle pretese “camere a gas” omicide.

È di capitale importanza per i fautori di Céline sapere se ci dicono la verità o ci mentono presentandoci i nazisti come ce li presenta la storia dei vincitori da quasi quarant’anni. Se il “genocidio” e le “camere a gas” sono esistiti, si stagliano sullo sfondo dell’opera di Céline. Se non sono esistiti, è una buona notizia per la povera umanità in generale e più in particolare per tutti coloro che, come Céline, a un dato momento, hanno potuto provare una forma di simpatia per Hitler o per Doriot. Fate una prima volta l’esperienza di leggere alcune pagine dei mirabili pamphlets accettando la versione ufficiale degli storici accreditati e una seconda volta adottando il punto di vista revisionista e mi capirete. Valuterete a che punto la menzogna del secolo, come la chiamiamo noi, distorca qualsiasi giudizio sulla storia della Seconda guerra mondiale e delle sue ripercussioni. Poiché, per cominciare, va da sé che se le “camere a gas” hitleriane non sono esistite, il grande crimine dell’ultima guerra diventa o quello di Hiroshima, o Nagasaki, o Dresda, o Katyn, o Vinnitsa o ancora la più formidabile operazione di polizia e epuratrice di tutti i tempi: quella che, dopo le ostilità, ha permesso delle abominevoli rese dei conti in tutta l’Europa insanguinata, che d’altronde continuano ancora oggi con delle esecuzioni in URSS e il carcere a vita in prigioni tedesche, francesi, italiane ecc.

Tra vent’anni, ciò che colpirà di più di Céline sarà la sua perspicacia; oggi fa ancora paura, anche a certe categorie di fautori di Céline-

***

Pubblicato sul “Bulletin célinien”, Bruxelles, n. 3, 3° trimestre 1982, p. 4-8. Si collegherà questo testo ad altri dedicati a Céline: quello riprodotto di seguito (“Céline di fronte alla menzogna del secolo (seguito)”, 1 ° ottobre 1982) e in Ecrits révisionnistes (1974-1988) vol. II, un articolo del marzo 1984 (“Precisazioni su ‘Céline di fronte alla menzogna del secolo’”, p. 483), nonché una “Lettre à Marc Laudelot, éditeur du Bulletin célinien”, datata 30 ottobre 1989 (p. 983).

[1] V. A. Paraz, Le Menuet du haricot, Genève, Connaître, 1958, p. 84.

[2] In quest’articolo mi riferisco alle pagine 328 e 329 del libro di F. Gibault: V. Céline, cavalier de l’Apocalypse: 1946-1961, Paris, Mercure de France, 1981.

[3] V. “Le Monde”, 23 maggio 1967, p. 8.

[4] Il testo della rivista “Les Temps modernes” è stato riprodotto e diffuso dalla casa editrice La Vieille Taupe con il titolo: “Le Testament politique du roi des cons” (“Il testamento politico del re dei fessi” NdT).

https://www.andreacarancini.it/2019/...na-del-secolo/
 
Old 2 Weeks Ago #2
alex revision
Senior Member
 
alex revision's Avatar
 
Join Date: Mar 2008
Posts: 16,907
alex revision
Default

Robert Faurisson: Céline di fronte alla menzogna del secolo (seguito)

CÉLINE DI FRONTE ALLA MENZOGNA DEL SECOLO (SEGUITO)

Di Robert Faurisson

Venerdì 1° ottobre 1982

Céline di fronte alla menzogna del secolo (seguito)

Nel “Bulletin célinien” n. 3 (3°trimestre 1982), scrivevo a pagina 4:

Io non mi ricordo di avere finora incontrato, sotto la penna di Céline, un’allusione al formidabile tabù delle “camere a gas” omicide.

E credevo che Céline ne avesse parlato per la prima ed ultima volta nella sua lettera del 30 dicembre 1960 indirizzata al suo amico tedesco H. Bickler. Ora, alcuni lettori mi fanno sapere che l’argomento era già stato affrontato da Céline in alcune sue lettere inviate a Albert Paraz dieci anni prima. Questi lettori mi segnalano a giusto titolo le pagine 312 e 320 del sesto dei “Cahiers Céline (Lettres à Albert Paraz, 1947-1957”, edizione preparata e commentata da Jean-Paul Louis, NRF, Gallimard, 469 p., 1980).

A pagina 312 si legge la lettera del 15 [marzo 1951], di cui ecco il primo paragrafo:

Oh, mio caro, non prendo affatto alla leggera la Sua lettera contro le camere a gas! È donchisciottismo dannatamente magnifico! Da sporco egoista, pensando a me stesso se tornassi in Francia e mi assassinassero – (puntualmente!) il mio assassino assolto tra le acclamazioni! avrebbe come grande scusa le camere a gas! Allora? Se ci sono dentro! Capirai!

A pagina 320 si legge la lettera del 6 [aprile 1951] di cui ecco l’ultima riga dove Céline finge di sentire le grida isteriche del celebre Bernard Lecache della LICA (oggi chiamata LICRA):

“Ve lo avevano pur detto! assassini!” camere a gas! ecc.

Ma è a pagina 276 che si scopre il commento più pertinente di Céline sulle pretese “camere a gas” di Hitler. Infatti, alla fine di questa lettera dell’8 [novembre 1950], scrive a proposito dell’autore della Menzogna di Ulisse, libro in cui Rassinier comincia appena a mettere in dubbio la realtà di questi mattatoi umani:

Rassinier è certamente un uomo per bene… non ti comprometterà oltre… nello stato in cui ti trovi! Basta così! Si vende il suo libro? È contento del sistema diretto [di vendita]? Il suo libro, ammirevole, farà scalpore – comunque. Mira a far dubitare della magica camera a gas! non è poco! Tutto un mondo d’odio sarà costretto a strillare all’Iconoclasta! La camera a gas era tutto! Permetteva TUTTO! Bisogna che il diavolo trovi qualcos’altro… Oh io sono tranquillo!


Così dunque, fin dal 1950, l’intuito ispirava a Céline seri dubbi sulla realtà materiale delle “camere a gas” omicide di Hitler. Fin dal 1950, analizzava perfettamente il carattere specifico di questa menzogna: questa menzogna è “TUTTO” in quanto consente di avvalorare la tesi che l’intera somma degli orrori inflitti alla Germania, al Giappone e ai loro alleati non può in nessun caso arrivare all’orrore di questi massacri concertati in mattatoi umani; questa menzogna è “TUTTO” in quanto avvalora un’altra menzogna, quella del “genocidio”, poiché senza lo strumento eccezionale, dove sarebbe il crimine così eccezionale che per designarlo, intorno al 1943, un sionista americano ha dovuto inventare la parola “genocidio”? Questa menzogna permette “TUTTO” in quanto giustifica in partenza le peggiori infamie nei confronti del vinto: responsabilità collettiva, retroattività delle leggi, dispensa dall’obbligo di apportare prove tecniche, azioni giudiziarie promosse in capo al mondo e fino allo sfinimento contro coloro che vengono definiti in anticipo “criminali di guerra”, fermo restando che Oradour (seicento quarantadue morti) è un atroce “crimine di guerra”, mentre Dresda (cento trentacinquemila morti, il più grande crematorio del mondo) non è che un fatto bellico. Questa menzogna permette già in partenza tutte le epurazioni, compresa la censura de facto di tre libri del più grande dei nostri scrittori: Céline stesso. Per definire questa invenzione della propaganda di guerra che, nella Germania di oggi, ha forza di legge, Céline scopre l’aggettivo “magico”. Che meraviglia la scelta di questa parola! Le “camere a gas” di Auschwitz e di altri luoghi sono creazioni virtuali; a parte le grossolane falsificazioni per turisti, non si è in possesso del minimo frammento, del minimo indizio, del minimo corpo del reato che ne dimostri l’esistenza; sono oggetti magici alla maniera dei dischi volanti. Sono al centro di una religione diabolica fatta di odio e di vendetta fino alla fine dei tempi: magia nera dell’“Olocausto”: Sono servite come fondamento di una gigantesca truffa economico-finanziaria con la creazione di uno stato coloniale inondato da colossali “riparazioni” finanziarie[1]: magia delle operazioni fraudolente condotte nelle alte sfere del mondo politico e finanziario. Permettono di colpevolizzare quasi la terra intera e autorizzano uno stato coloniale e delle minoranze che sostengono questo stato a fare ciò che a loro piace, a rischio di appiccare il fuoco al pianeta: magia delle parole-talismano come “Auschwitz”, “genocidio” o “Olocausto” per bloccare qualsiasi discussione e per far avanzare le proprie pedine. Paralizzano qualsiasi sforzo di ricerca storica onesta, qualsiasi verifica dei fatti, qualsiasi intervento a favore del diritto di dubitare e del diritto di ricerca; si passa per diabolici se si dà l’impressione di permettersi il minimo dubbio sulla loro esistenza: è diavoleria, stregoneria, magia: Hitler brucia eternamente in mezzo a pali, graticole, forni e, soprattutto a magiche “camere a gas” che sono capaci di prodezze assolutamente ricusate da tutti i dati delle scienze psico-chimiche. Superba e nauseante magia dei diecimila processi di stregoneria! Da molti anni, cercavo un aggettivo ricco di significato e al contempo molto semplice per qualificare queste “camere a gas”. Céline mi offre quello di “magiche”. Si addice a meraviglia. Lo conservo e non ne cercherò più altri.

1° ottobre 1982

[1] V. « Nahum Goldmann: au nom d’Israël », sul « Nouvel Observateur » del 25-29 ottobre 1976, p. 120 e seguenti.

[Pubblicato nel “Bulletin célinien”, Bruxelles, n. 4, 4° trimestre 1982, p. 5-6, ved. anche sopra in data 1° giugno 1982, “Céline di fronte alla menzogna del secolo”, Écrits révisionnistes (1974-1998), vol. I, p.315, nonché, nel vol. II della stessa opera, altri due testi: un articolo del marzo 1984 (“Precisazioni su ‘Céline di fronte alla menzogna del secolo’”, p. 483) e una “Lettre à Marc Laudelout, éditeur du Bulletin célinien” datata 30 ottobre 1989 (p. 928).]

https://www.andreacarancini.it/2019/...ecolo-seguito/
 
Reply

Share


Thread
Display Modes


All times are GMT -5. The time now is 01:08 AM.
Page generated in 0.06609 seconds.